"Vogliamo la pace in Terrasanta"

Mobilitazione Eucaristica a Roma 24 ore su 24 alla Parrocchia Santa Maria delle Grazie alle Fornaci

| 755 hits

ROMA, mercoledì, 21 novembre 2012 (ZENIT.org).- Da questo mercoledì sera 21 novembre alle ore 21 a Roma inizia una mobilitazione eucaristica per la “Pace in Terrasanta” che durerà ininterrottamente notte e giorno  fino alla conclusione del conflitto che sta nuovamente insanguinando il Medio Oriente. A promuoverla è l’insieme delle associazioni (Papaboys, Adunanza Eucaristica, Apostolato Giovani per la vita) che curano  l’organizzazione delle “Giornate internazionali di intercessione per la pace in Terra Santa” la cui prossima iniziativa è prevista in 3.000 città di tutto il mondo per domenica 27 gennaio 2013.

L’appuntamento di partenza è alle ore 21 presso la Parrocchia di Santa Maria delle Grazie alle Fornaci dove si ritroveranno alcuni gruppi di preghiera per l’Adorazione Eucaristica; sarà sempre esposto il Santissimo Sacramento e la Chiesa resterà sempre aperta, anche di notte, in questi giorni , “fino – spiegano gli organizzatori – alla fine delle violenze nella terra di Gesù”. “Un vero e proprio presidio per la Pace al quale possono aderire anche le persone da casa, con una preghiera presso la propria Parrocchia o anche privatamente”.

Anche Benedetto XVI questa mattina nel corso dell’Udienza Generale del mercoledì ha incoraggiato gli sforzi di quanti si stanno impegnando per la pace e per giungere ad una tregua nel conflitto.  Il Papa incoraggia "le iniziative e gli sforzi di quanti stanno cercando di ottenere una tregua" tra israeliani e palestinesi della Striscia di Gaza. Al termine dell'udienza generale, Benedetto XVI, dopo aver espresso la sua "grave preoccupazione" per il proseguire della violenza e la sua vicinanza per le vittime, ha anche esortato "le autorità di entrambe le parti ad adottare decisioni coraggiose in favore della pace e porre fine a un conflitto con ripercussioni negative in tutta la regione medio-orientale, travagliata da troppi scontri e bisognosa di pace e riconciliazione".